Di cosa mi occupo

Si dice che la conoscenza renda liberi; oggi, però, ne occorre molta di più di quanto ne occorresse un tempo, perché il cambiamento ha raggiunto una velocità per noi inimmaginabile solo pochi anni fa.

Di certo non possiamo imparare tutto, e, al contempo, non è facile capire cosa sia in linea con le nostre caratteristiche e cosa ci possa essere veramente utile. Saper scegliere su cosa concentrare il nostro impegno, individuare ciò che ci può aiutare a lavorare e a vivere meglio e con minor fatica, è quindi straordinariamente importante per l’Uomo moderno.

Così io, dopo 30 anni dedicati alla ricerca qualitativa e sociale in Istituti di Ricerca, ho scelto di occuparmi di consulenza e formazione al fine di lavorare “con le persone e per le persone” con un focus particolare sui temi della diversità e dell’inclusione.

L’ incontro con la diversità, infatti, sta diventando sempre più frequente. Pensiamo ad una nostra giornata ordinaria:  al lavoro probabilmente ci relazioniamo con un collega disabile; usciamo a prendere un caffè e la persona che ci sorride, porgendocelo, appartiene ad un’altra etnia;  parliamo con un’amica e questa ci racconta che, per quanto sul lavoro raggiunga gli obiettivi che le sono stati affidati, non ottiene gli stessi riconoscimenti dei suoi colleghi di genere maschile: un nostro ottimo cliente/fornitore è gay.

Sono solo alcuni esempi: magari vi ci ritrovate, magari no. Immagino che comunque ne abbiate altri a disposizione.

Cosa ne possiamo dedurre? Che il contatto con la diversità è ineludibile.

Possiamo guardare alla diversità da prospettive positive e come opportunità? Io credo proprio di sì.

L’accettazione della diversità e la sua inclusione sono cruciali se vogliamo creare una società “viva”, fertile, capace di restituire benessere, innovazione, equilibrio e ricchezza per tutti.

Ciò vale anche per le Aziende. Talvolta queste vivono come un problema le persone che, per un motivo o per l’altro rientrano nell’alveo denominato “diversity”. Colleghi e superiori faticano a realizzarne un efficace inserimento, a sviluppare un buon sistema di relazioni, a osservare una equa gestione dei percorsi di carriera e a valorizzare la diversità.

Eppure l’inclusione della diversità, come raccontano anche alcuni recenti e autorevoli studi, può produrre sino a + 20% di ricavi, favorire l’innovazione, la retention dei talenti e migliorare il clima aziendale.

Le difficoltà delle Aziende a coltivare l’inclusione per lo più non sono riconducibili all’insensibilità o alla cattiva volontà dei singoli, ma all’assenza di strumenti specifici di cultura aziendale, che pure ci sono.

Il mio intervento di consulenza/formazione in azienda è finalizzato proprio ad agevolare l’integrazione della diversità grazie a soluzioni facilmente fruibili, in modo da capitalizzare il valore aggiunto che essa può apportare.

I sistemi per raggiungerla ci sono: occorre imparare a conoscere meglio sé stessi e come funzioniamo: scoprire la propria e l’altrui unicità, le nostre resistenze/convinzioni retrostanti a ciò che percepiamo come “diverso” o addirittura “sbagliato”; trovare delle strategie e soluzioni concrete, in linea con noi stessi, utili a superarle e a vivere la nostra vita senza stress e nel rispetto degli altri.

La diversità in Azienda può manifestarsi anche in termini di cultura aziendale. Spesso accanto alla cultura formale dell’Azienda (vision, carta dei valori, mission …) ne esiste un’altra informale, di cui i dipendenti e collaboratori sono portatori. Questo crea spesso “sabotaggi” interni che ostacolano l’Azienda dal performare al meglio e dal godere di un clima lavorativo positivo.

In questo contesto il mio intervento ha per obiettivo l’individuare il gap esistente tra le culture lavorative a monte delle analisi di employee satisfaction, nonché le aree e le modalità di intervento utili a favorirne l’allineamento. 

Se quanto hai letto ti incuriosisce, contattami per una chiacchierata senza impegno.

Nel frattempo, ti auguro una vita la più scorrevole possibile.

Silvia

* * *

P.S. Riporto alcune citazioni di personaggi famosi che si sono espressi a favore della diversità:

  • Pablo Picasso: “Non giudicare sbagliato ciò che non conosci, cogli l’occasione per comprendere”
  • Gregory Bateson: “La saggezza è saper stare con la differenza, senza voler eliminare la differenza”
  • Kofi Annan: “La diversità tra culture è qualcosa da valorizzare, non da temere”.